Posted on Lascia un commento

Disinfestazione delle api invernali

Con la ricorrenza di Ognissanti e la commemorazione dei defunti siamo arrivati al periodo dell’anno in cui è più veloce il calo luminoso diurno.
Le giornate si sono accorciate, e le colonie, che fino ad un mese fa erano ancora in piena attività, ora si sono fermate.
E’ giunto il tempo per gli interventi di eradicazione autunnale della varroa.

Continua a leggere Disinfestazione delle api invernali
Posted on

BiolMiel 2019

Belforte all’Isauro ospiterà l’edizione 2019 di Biolmiel il premio internazionale per il miglior miele biologico.


Il Comune di Belforte all’Isauro e Pronubio, l’associazione apicoltori biologici e biodinamici si uniscono a Biolitalia, Cibi, Agrimediterraneo e Crea – AA nella realizzazione dell’edizione 2019 di Biolmiel, il premio internazionale per il miglior miele biologico.


Oltre al patrocinio della manifestazione il comune di Belforte all’Isauro curerà l’ospitalità dei giudici che da diverse parti d’Europa raggiungeranno la sede della sessione di degustazione. Pronubìo darà tutta l’assistenza di cui è capace nella gestione della logistica.

Continua a leggere
Posted on

Nuovo ciclo di ZAV

Al fine di verificare l’efficacia dei trattamenti estivi sopratutto per chi ha effettuato il blocco di covata, ma anche per chi ha usato il Formico, è possibile usufruire del servizio tecnico di monitoraggio della presenza di varroa. chiamare il nostro tecnico Elisa per effettuare un monitoraggio con lo zucchero a velo (ZAV).

In questo momento, le colonie si trovano generalmente nelle condizioni migliori in tutto il territorio. La raccolta sull’edera , erba medica tardiva e fioriture spontanee sta procedendo come da previsioni. Le colonie dispongono di abbondante covata che per questo periodo corrisponde a oltre 2 favi, più che sufficienti per invernare le colonie in ottime condizioni.

Per ottime condizioni si intende la consistenza in circa 12.000 api sane ( 4 favi coperti su ambo i lati) e almeno 15 kg di buon miele. Più o meno api determinano un maggiore consumo di scorte invernali.

La covata sarà ancora sostenuta per circa una ventina di giorni.